vomitoletterario
creativecommons

<< clicca qui per scoprire quali sono gli usi consentiti

Vomito Letterario by homo vivo giuseppe rago is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.

 

Permissions on the contents of this site are obtainable contacting directly the site owner at " info@vomitoletterario.it "

Pagine

social:

th
exit.news.jpeg

www.vomitoletterario.it © All Right Reserved 2005-2022

 

Cookie Policy | Privacy Policy

 


Sito web realizzato da homo vivo giuseppe rago: +39 366 539 9177 - PEC: giusepperago@casellapec.com - Email: beppe212@tutanota.com

i
creativecommons

Se trai del valore da questa mia opera, considera di effettuare una piccola donazione per un "artista di strada digitale"

Basterebbe 'no sguardo

2021-08-08 22:08

homo vivo giuseppe rago

poesia, sguardo, occhi, tenerezze, dolcezza, romantico,

Basterebbe 'no sguardo

Basterebbe 'no sguardo a fermà l'impazienza,a spegne a mente e a veemenzacon cui vengo attratto da 'na sfumatura, 'na parola.

Basterebbe 'no sguardo a fermà l'impazienza,

a spegne a mente e a veemenza

con cui vengo attratto da 'na sfumatura, 'na parola.

 

Me basterebbe 'na carezza sola,

a sostituì l'ambigua e attraente gentilezza,

de chi, da dietro 'o schermo me toglie l'amarezza

e me dà da sperà, che a questo monno

a dolcezza nun è scontata, toglie er sonno,

me fa vedè er futuro co artri occhi

e pare che gnente e nessuno me tocchi.

 

A forza che me scaturisce dentro l'anima,

frutto de e cure de na donna magnanima

e bona, dar tocco e l'occhi delicati,

da 'r core gentile e cieli sterminati,

me fà diventà gueriero, eroe e Dio

e nun trovo più limiti a quello che so' io.

 

E confluisco dolce, teneramente

nell'anima del mondo, dove gnente

stà n'a testa, e er monno pare infinito,

chè posso giocà in eterno, essenno ardito

e me permetto er lusso de scoprì a maggìa

e er potere che stanno nell'anima mia,

ner cielo stellato e nelle notti insonni,

ner core der bimbo e ne a coscienza dei nonni,

nell'aspettà in fiducia e con rispetto,

l'occhi e er core che je batte 'n petto.

 

E nun m'aspetto, mia cara, che tu me dica sì,

me basta de nun fà stronzate e perdette così,

che divento 'n flusso de parole e pensieri

e, insicuro, te travolgo de velieri,

co' vele tessute de poesie e de fregnacce,

che te posso stufà de parlà sempre de me stesso.

 

Allora dimme solo sì, che parlerò meno spesso.

 

basterebbenosguardo-1628453281.jpg
Donazioni
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder