vomitoletterario
creativecommons

<< clicca qui per scoprire quali sono gli usi consentiti

Vomito Letterario by homo vivo giuseppe rago is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.

 

Permissions on the contents of this site are obtainable contacting directly the site owner at " info@vomitoletterario.it "

Pagine

social:

th
exit.news.jpeg

www.vomitoletterario.it © All Right Reserved 2005-2022

 

Cookie Policy | Privacy Policy

 


Sito web realizzato da homo vivo giuseppe rago: +39 366 539 9177 - PEC: giusepperago@casellapec.com - Email: beppe212@tutanota.com

i
creativecommons

Se trai del valore da questa mia opera, considera di effettuare una piccola donazione per un "artista di strada digitale"

Fu così che mi uccidesti

2021-08-10 19:04

homo vivo giuseppe rago

amore, poesia, Dolore, amore non corrisposto,

Fu così che mi uccidesti

Fu così che mi uccidesti,tra vane fughe e giustificazioni,fuggendo da te stessa e dal mio cuore inerme,reputandoti, più che anima, animale.

Fu così che mi uccidesti,

tra vane fughe e giustificazioni,

fuggendo da te stessa e dal mio cuore inerme,

reputandoti, più che anima, animale.

 

Svilendoti e uccidendo la tua divinità,

togliesti a me la luce che mi donava vita,

e fra i lontani piaceri tuoi carnali,

morii a me stesso, ed alla vita.

 

Rinnegasti te stessa, contro ogni evidenza,

strappasti dal tuo petto la tua umanità,

e la donasti in pasto a cani e porci.

Di te rimane solo corpo senz'anima né spirto.

 

Ov'è finita la donna che amai?

Ov'è quel cuore così grande

che mi rubò gli occhi?

 

Non v'è dolore che non abbia rimedio,

ma tu fuggisti ogni dolcezza ed ogni dono,

abdicando l'amore in nome del potere,

la tua libertà in nome degli istinti.

 

Tu mi portasti in dono la mia umanità,

mi facesti scoprire la mia divinità,

trovai in te l'anima gemella,

che in un impeto ribelle si partì da sé,

lasciandomi nel cuore la tua parte migliore.

 

Sì, dolce Pina, ch'io ti perdono,

e ti lascio andare ovunque tu voglia,

nella speranza e nell'augurio,

che tu ritrovi la tua anima bella,

nuda e ferita, che possa tu rassicurarla

e prendertene cura.

 

Splendore portavi nel mondo,

il tuo dolore fu fonte di vita,

la tua dolce sofferenza ti rendeva umana,

le tue lacrime ti rendeano divina.

 

Ma tu smettesti di esplorarti,

ed alzasti muri fra te ed il tuo fragile cuore,

sì ch'or tu pari crudele ed egoista,

e tutto vuoi per te, senza dar nulla.

 

Fosti Afrodite, diventasti Atena.

Fosti felice, e t'accontenti adesso

invece che d'un cor, d'un buco nero.

 

Vampira, trova pace, che la vita è breve.

Vinci ogni paura col coraggio,

che senza cor non trovi, e resti vinta

da ogni paura e insicurezza,

inerme, senza forza e senza vita,

e tosto ti ritrovi sballottata,

tra nulla e inferno, come Francesca,

che nella dantesca opra più non vive.

 

Ma Dea in potenza resti, come sei stata.

T'auguro di ritrovar te stessa e quella forza

che facea di te la miglior donna,

e Dea ti fè, nel cuore mio.

fucoschemiuccidesti-1628611470.jpg
Donazioni
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder