vomitoletterario
creativecommons

<< clicca qui per scoprire quali sono gli usi consentiti

Vomito Letterario by homo vivo giuseppe rago is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.

 

Permissions on the contents of this site are obtainable contacting directly the site owner at " info@vomitoletterario.it "

Pagine

social:

th
exit.news.jpeg

www.vomitoletterario.it © All Right Reserved 2005-2022

 

Cookie Policy | Privacy Policy

 


Sito web realizzato da homo vivo giuseppe rago: +39 366 539 9177 - PEC: giusepperago@casellapec.com - Email: beppe212@tutanota.com

i
creativecommons

Se trai del valore da questa mia opera, considera di effettuare una piccola donazione per un "artista di strada digitale"

Liberi desideri

2021-08-10 21:22

homo vivo giuseppe rago

vita, preghiera, schiavitù, Desideri, bollette, conti, fine mese,

Liberi desideri

I conti a fine mese, il costo dell'indipendenza,le rate, le bollette, le spesestringono alla gola più d'un cappio,

I conti a fine mese, 

il costo dell'indipendenza,

le rate, le bollette, le spese

stringono alla gola più d'un cappio,

sì che uomo libero si trovi a strisciare

giorno dopo giorno, logorandosi

in compagnie non scelte

e fatiche quotidiane e deterioranti.

 

Degenera il corpo, e la mente

si restringe, che nulla si può più

senza danari in tasca.

 

E i desideri annegano,

e le flebili fiammelle di speranza,

vengono attentate con il tempo

dai forti sbuffi di questa prepotente società

che d'umana non ha più alcuna dimensione.

 

Anche l'uomo più gioviale, 

ridotto in semipovertà,

non potendo esaudir ciò che vorrebbe

chiude la sua porta, e le finestre,

a marcire in casa come cadavere,

ultima, flebile fortezza

ove sentirsi protetti da ciò che è fuori,

attentato dalle angherie continue

fatte ad ogni uomo, 

che libero non vogliono lasciare.

 

E' altro il mondo che desidero,

non posso cambiar questo dove vivo,

che anneghi nel suo caos senza fine,

sprofondi nelle viscere dell'Inferno,

che io lo maledico, afflitto

e comprendendo in me

l'afflizione di tutti gli esseri viventi.

 

Sarà per un'altra vita, altrove

che godrò le voglie mie,

senza ostacolo alcuno,

che nel mondo in cui sarò dopo la morte,

affaticato e afflitto dal tormento,

m'accoglieranno stelle piene

d'energia potente, e pianeti

vivi e pulsanti come cuori,

e ogni essere avrà la facoltà,

di scegliere, ogni istante,

di trovarsi ove desidera, 

e compiere opere meravigliose,

senza più l'abbietta schiavitù

che accompagna gli umani

dalla loro origine ai miei giorni.

 

Libera vita, accoglimi.

liberidesideri-1628623277.jpg
Donazioni
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder