Pagine

social:

creativecommons
vomitoletterario

<< clicca qui per scoprire quali sono gli usi consentiti

Vomito Letterario by homo vivo giuseppe rago is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.

 

Permissions on the contents of this site are obtainable contacting directly the site owner at " info@vomitoletterario.it "

th

www.vomitoletterario.it © All Right Reserved 2005-2022

 

Cookie Policy | Privacy Policy

 


Sito web realizzato da homo vivo giuseppe rago: +39 366 539 9177 - PEC: giusepperago@casellapec.com - Email: beppe212@tutanota.com

i
creativecommons

Se trai del valore da questa mia opera, considera di effettuare una piccola donazione per un "artista di strada digitale"

Vortici di specchi

2023-10-26 02:02

homo vivo giuseppe rago

vita, poesia, homo vivo giuseppe rago, essenza, superficialità, profondità, vortici, specchi, esistenza,

Vortici di specchi

Cosa è profondo? Cos’è superficiale? Cosa è sentito? Cosa è mentale? Confini indefiniti, sfumature di colori non v’è interiorità che non si rifletta fuori.

Cosa è profondo? Cos’è superficiale?

Cosa è sentito? Cosa è mentale?

Confini indefiniti, sfumature di colori

non v’è interiorità che non si rifletta fuori.


 

E la risposta giunge, nel silenzio 

in un profumo di caricatura

che ubriaca come assenzio

ciclica ripetizione di natura.


 

Ognuno è ciò che È, senza colpa alcuna:

riconoscerlo è arte, esperienza di lacuna

che si perpetua nel vuoto del nulla

fino a morte, da quando siamo in culla.


 

Oro non è ciò che trasuda luccicanza;

esso è solo espressione di mancanza.

Pianeti che orbitano in cicli incompatibili

rivelando in vita le realtà più terribili.


 

È così che natura si piega ai paradossi,

ciò che appare mai è, e veniamo percossi

similmente a Paolo e Francesca, innamorati

fugacemente ci si specchia, poi siamo allontanati.


 

Vita esprime in pianto un’insensata commedia.

Ridiam del nostro amore per la comica tragedia.
Cinismo, schizofrenia, sarcasmo e dolore,

allegria, estasi, empatia e rumore. 

Non v’è nulla da capire, signori spettatori,

Spegnete pure le menti e i vostri cuori.
Siamo isole senza speranza di comunicazione,

ali spezzate, barcarole senza più timone.


 

Abbandonate ogni pretesa, questo è l’inferno,

letargo dell’Essere, lungo il grande inverno.

Fate in vita, pertanto, ciò che più vi piace,

dannazione colpirà colui che cerca pace.

Costretti all’inversione di ogni essenza,

condannati a cercare briciole di felicità,

che si perde in labirinti, e di lei senza

si continua a vorticare con teatralità.

donna-volante.jpeg
Donazioni
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder